0823423380 info@upcontract.com

5 consigli su come assumere una posizione corretta alla propria scrivania

Quanti di noi passano la maggior parte della propria giornata seduti alla scrivania, dinanzi al monitor del computer? Giorno dopo giorno, ore dopo ore, il nostro fisico inizia a protestare, lanciando i primi segnali di allarme.

I dati parlano chiaro: una persona su quattro si assenta dal lavoro in media due/tre giorni all’anno per colpa del mal di schiena, correlato ad una scorretta postura assunta durante l’orario di ufficio.


Quando si lavora al computer, a volte, il tempo scorre così velocemente che non ci accorgiamo di aver assunto una posizione non adatta. E così iniziamo ad avvertire i primi sintomi: dolori alla mano e al polso, una leggera fitta alla schiena, l’avambraccio indolenzito e il collo che ad ogni “click” si blocca sempre di più. 


Tutto ciò rappresenta un problema da non sottovalutare perché tenere una posizione corretta alla scrivania serve proprio ad evitare eventuali problemi alla colonna vertebrale con relativi disturbi muscolari. 

 

Come assumere una postura corretta seduti alla propria scrivania: i consigli di Up Contract

 

Se in una prima fase una postura non idonea potrebbe comportare disturbi di lieve entità, nel medio-lungo termine una reiterata postura scorretta quasi sicuramente genererà problemi gravi. Proprio per questo occorre prevenire situazioni spiacevoli grazie ad una progettazione ergonomica del posto di lavoro, adottando al tempo stesso una posizione corretta alla propria scrivania. 

 

1) Prima regola: schiena dritta!

4 differenti vignette che mostrano come sedersi correttamente alla scrivania per avere una buona postura

 

Per adottare una corretta posizione alla propria scrivania è necessario mantenere la schiena sempre dritta, in ogni istante e in ogni occasione. Solo questo ci garantirà il tanto desiderato benessere psico-fisico.

Spesso infatti a causa dello stress lavorativo e dei duri ritmi della vita quotidiana ai quali veniamo sottoposti, tendiamo ad incurvarci e ad ingobbirci, affaticando così la nostra colonna vertebrale. 


Anche se in quel momento ci sembra di essere più comodi, in realtà, a lungo andare, tale abitudine si rivela dannosa e creerà seri danni alla nostra salute. Per capire quale sia la postura giusta da assumere dinanzi lo schermo del pc, basta osservare se la schiena forma col bacino un angolo retto: questo sarà il segnale che finalmente abbiamo assunto una posizione corretta.

 

2) Scegli una seduta adatta alle tue esigenze

Vignetta illustrata che mostra come tenere schiena e collo nella posizione corretta

Tutto ciò ovviamente implica l’utilizzo di una sedia ergonomica, che possa garantire il completo comfort e benessere. Spesso la maggior parte dei fastidi sono correlati ad una scelta errata di sedute non idonee alle nostre esigenze e necessità.


Cosa c’è di più bello e confortevole di una seduta che sia al tempo stesso comoda ed elegante?

La sedia che sceglierai deve assicurarti un’assoluta eccellenza posturale e predisporre la corretta inclinazione per garantire che:

 

  • I piedi debbano toccare terra senza alcuno sforzo;
  • I glutei debbano essere sostenuti correttamente e le gambe posizionate orizzontalmente sotto la scrivania;
  • Gli avambracci debbano essere tenuti in posizione rilassata e orizzontale, ben appoggiati sul piano della scrivania. Il mouse deve essere mosso soltanto tramite l’azione del polso e delle dita. 


Tutto questo donerà un perfetto supporto alla schiena ed eviterà che la stessa assuma una postura diversa da quella naturale

 

3) Attenzione alle spalle e al collo

Vignetta illustrata raffigurante la giusta altezza dei monitor per non avere problemi di cervicale

L’errore che più spesso si commette è quello di pensare che avere la schiena dritta implichi in qualche modo l’accumulare tensione nelle altre parti del corpo, particolarmente nel collo e nelle spalle.

Altre due regole da seguire per assumere una postura corretta alla propria scrivania sono le seguenti

 

  • Tieni sempre la testa alta, evita di abbassare il collo in direzione del computer (se ciò avviene significa che non è alla giusta altezza);
  • Le spalle devono essere rilassate, in quanto accumulare tensione potrebbe causare fastidi muscolari e quel mal di testa, classico, di chi lavora per tante ore in posizioni sedentarie. 

 

4) La posizione del monitor è importante

 

Vignetta illustrata raffigurante l'importanza di tenere i piedi a terra durante il lavoro in ufficio per evitare problemi posturali

Le attività lavorative implicano nella maggior parte dei casi l’utilizzo del PC, che causa la cosiddetta “tech neck syndrome”. Detto in parole semplici, i fastidi legati ai dolori cervicali e alle contratture nelle zone del collo e delle spalle, dovuti all’utilizzo improprio di dispositivi tecnologici. 


Tutto ciò è legato al posizionamento errato dello schermo del computer. Ricorda che lo stesso deve essere posizionato all’altezza degli occhi: utilizza gli appositi strumenti per alzarlo oppure i classici e insuperabili libri da posizionare sotto al monitor.  Inoltre la giusta distanza tra l’utilizzatore e il computer ha un range tra 50 e 70 cm. 

 

5 ) Ricorda di tenere i piedi sempre a terra

 

Non accavallare le gambe (ricorda la posizione orizzontale) e non appoggiare soltanto i talloni a terra. Questo ti eviterà di compromettere la circolazione venosa ed eventuali disturbi motori.

Tenere sempre i piedi a terra, ben poggiati, ti garantirà una serie di benefici nel breve-medio termine. L’ideale sarebbe dotarsi di un poggiapiedi.

Apri la chat
Serve aiuto?
Ciao, come possiamo aiutarti?