0823423380 [email protected]

Il tema dello stress sul luogo di lavoro ha trovato molto spazio di dibattito negli ultimi anni, in particolare a partire dal d.l. 78/2010, che ha regolamentato la questione e ha chiamato in causa i datori di lavoro per dare una risposta concreta a questo problema. Vediamo quali sono i fattori di cui tenere conto, come gestire lo stress in azienda e come prevenirlo anche grazie ad arredi e consigli mirati.

 

Stress da lavoro: come nasce, da cosa dipende

 

Impiegato stressato per il troppo lavoroCon il decreto del 2010 si è introdotto l’obbligo di valutazione del livello di stress per quei titolari di aziende che danno lavoro ad almeno una persona: in poche parole, la maggior parte. Una volta effettuata questa valutazione poi, il datore ha l’obbligo di prendere delle precauzioni o adottare soluzioni per cercare di ridurlo, anche grazie alla consulenza del rappresentante per la sicurezza (RLS).

Lo stress lavoro-correlato è un problema concreto, che può manifestarsi sotto forma di disagio fisico, ma anche psicologico, in particolare quando il dipendente non si sente parte del contesto in cui lavora o pensa di non riuscire a soddisfare le aspettative sociali all’interno dell’ufficio, che provengano da un responsabile o da un collega di pari livello. Una valutazione attenta della situazione dovrebbe partire dall’ascolto dei dipendenti, anche tramite un questionario anonimo o un dialogo con i responsabili aziendali, per capire quali dati fanno suonare dei campanelli d’allarme.

Ecco qualche domanda da porsi in questa fase per valutare i livelli di stress:

  • Ci sono state assenze superiori alla norma nell’ultimo periodo, magari in seguito a cambi di mansione o organizzazione?
  • Hai notato comportamenti insoliti da parte dei dipendenti?
  • Sono aumentati gli orari o i turni di lavoro?
  • Quali sono le condizioni in cui si trova l’ufficio attualmente? (servizi igienici, spazi di lavoro individuali e condivisi, illuminazione, sicurezza, temperatura, comfort)

In base alle risposte di questa valutazione, possiamo dividere le problematiche che causano stress in due tipologie: quelle legate al contesto e luogo di lavoro e quelle legate ai contenuti, alle mansioni svolte. Queste ultime interessano ovviamente i carichi di lavoro, il numero di ore, le responsabilità, le opportunità di carriera, la possibilità di crescere e di formarsi professionalmente, la ripetitività ed eventualmente la socialità in ufficio (l’ultimo aspetto, però, come vedremo tra poco è collegato anche al benessere e alla conformazione dell’ufficio fisico).

Ovviamente i casi possono variare molto da dipendente a dipendente, lasciamo quindi al tuo management le decisioni da prendere riguardo eventuali problemi legati alla comunicazione o alla percezione di un mancato supporto: il dialogo ti aiuterà a ridefinire i ruoli professionali in modo più equilibrato e sereno. 

Andiamo ora a vedere quali sono le misure che puoi prendere per gestire lo stress da lavoro dei tuoi dipendenti.

 

Gestire lo stress in ufficio: qualche consiglio utile

 

Team che lavora e si confronta alleviando lo stress.Puoi fare molto per alleviare l’ansia e lo stress nella tua azienda. Il primo passo è proprio il test di valutazione delle cause: ora sei pronto per l’azione.

  • Comunica chiaramente con tutti: lascia “aperta” la porta del tuo ufficio e renditi disponibile all’ascolto di problemi o proposte. Coinvolgi i dipendenti in iniziative che non abbiano a che fare solo con il lavoro, se possibile. In ufficio, spiega loro come prendersi delle responsabilità e poi seguili nel percorso senza farli sentire soli.
  • Non fare differenze: se le persone hanno responsabilità diverse, cerca di rendere equa la situazione riconoscendo a ciascuno i propri meriti o gli obiettivi raggiunti. Non mostrarti mai più propenso ad ascoltare l’uno o l’altro. Non rendere mai pubbliche informazioni sul contratto o sullo stipendio di alcuno, nemmeno se il grado di esperienza è palesemente superiore.
  • Coltiva i talenti e l’impegno dei dipendenti organizzando corsi di formazione che possano davvero farli sentire utili e preparati. In questo modo affronteranno le responsabilità con una nuova consapevolezza.
  • Se ancora non ci sono, inserisci delle pause o delle scadenze ragionevoli che permettano a tutti di prendersi un momento di stacco alla fine di un compito. Permetti e promuovi la giusta pianificazione per evitare serate in ufficio e ritmi frenetici.
  • Consenti a chi ha famiglia di gestire in modo un po’ più autonomo il carico di lavoro: un minimo di flessibilità (come il telelavoro) permette ai genitori di essere meno preoccupati e meno ansiosi quando lavorano, ottimizzando le ore che trascorrono in ufficio.

 

Luminoso, funzionale, accogliente: il tuo ufficio a prova di stress


Esempio di ufficio con buona illuminazione e dettagli in blu per alleviare lo stress.Non sono solo i sistemi di organizzazione in azienda a minare i rapporti. A volte l’ufficio stesso può manifestare delle carenze che mettono a disagio i dipendenti, che si tratti di spazi, illuminazione o sicurezza. Qualche esempio?

La sicurezza prima di tutto: uscite, porte con apertura verso l’esterno e norme antincendio rispettate in ogni ambiente sono il minimo di cui tenere conto.

La seduta scorretta può provocare disturbi alla schiena anche gravi: ricorda di mettere a disposizione dei lavoratori delle sedie ergonomiche dallo schienale imbottito, regolabili in altezza e inclinazione. La scrivania deve essere dell’altezza giusta (circa 70 centimetri), il videoterminale deve essere a circa 15 centimetri da chi lavora, oltre ad essere inclinabile e ad altezza occhi. Evita superfici riflettenti e scegli modelli spaziosi su cui sia possibile posizionare tutti gli oggetti di cui si ha bisogno (computer, blocchi per appunti, eccetera).

Per evitare l’affaticamento visivo, studia con attenzione il posizionamento e il tipo di illuminazione: anche questo fa parte della buona gestione dello stress lavorativo. Puoi rivolgerti a un professionista per studiare con attenzione un sistema dedicato allo spazio dei videoterminali, uno alle sale riunioni e uno all’area relax.

A ogni fine il suo spazio: se hai un open space, è importante dedicare uno o più ambienti al relax, ma soprattutto alla socializzazione. Può trattarsi della zona caffè o pausa pranzo, ma dovresti prevedere anche uno spazio informale con divanetti o poltrone dove i tuoi dipendenti possano parlare e sentirsi a proprio agio, incontrarsi e confrontarsi. Delle piccole sale riunioni sono l’ideale per favorire i meeting di lavoro, scambiare idee o fare telefonate, isolarsi e concentrarsi senza disturbare i propri colleghi.

Scegli i colori giusti per ogni ambiente: ti consigliamo colori chiari e luminosi, che siano magari di ispirazione per la creatività e abbassino i livelli di stress; il blu è considerato un ottimo colore per favorire la concentrazione. Nelle zone relax puoi giocare ad esempio su quelli più caldi e intensi come il rosso o il giallo. Un altro colore di cui devi tenere conto è il verde: le piante, ornamentali e ben curate, sono utilissime per arredare, dividere spazi e scrivanie, ma soprattutto per depurare l’aria da sostanze nocive e rallegrare l’ambiente. I livelli di stress, entrando in un ufficio molto verde, si abbasseranno immediatamente. 

Dai spazio alla personalizzazione: i dipendenti vorranno appendere le loro inspiring pictures o aggiungere qualche dettaglio personale alla loro postazione. Sempre chiedendo di rispettare arredi e colleghi, sarebbe bene permettere questa iniziativa. Via libera anche alla diffusione di profumi come oli essenziali delicati e non invadenti, per esempio la lavanda che ha un potere rilassante sul sistema nervoso, ma senza esagerare.

La musica è un altro fattore di cui tenere conto per abbassare lo stress in azienda, ma potrebbe infastidire e deconcentrare alcune persone: meglio optare per delle buone cuffie che contengano il suono e, in determinati momenti di pausa, far scegliere a turno la playlist da ascoltare tutti insieme.

Insomma, design e spazi ben organizzati contribuiscono non poco al benessere di chi lavora in ufficio: contattaci per avere dei consigli mirati e personalizzati in base alla tua azienda e alle tue esigenze.

Apri la chat
Serve aiuto?
Ciao, come possiamo aiutarti?